Marracash – Continuavano A Chiamarlo Marracash (Il Divo) Lyrics

Se cerchi scazzi dopo è irreversibile
Ti rompo il culo come Irreversible
Marra è l’enfant terrible
Metti due dita nella presa e dì "cheese"
Vorrei mettere due dita dentro Dita Von Teese
Stronzo, vacci coi piedi di piombo
Sfondo col piede di porco
I frà miei pieni di piombo
E il cielo con più luci che nella guerra del Golfo
Ed esci con più buchi che in un campo da golf
Occhiaie pese, wild-life, tanto è di moda Twilight
Vi do la paga tutti i mesi come Win For Life
Facevo questa cosa e ancora non pisciavi dritto
Ringrazia che ti lascio briciole lungo il tragitto
Dicono Marra è un cane, Marra è infame, Marra è tinto
Bacio mia madre e sfascio il tuo locale come i Sex Pistols
Continui a fare dischi e non esisti sulla mappa
E se dovevi farcela ce l’avresti già fatta, zio basta, dai

Continuavano a chiamarlo Marracash!
E mi dispiace, frà, frà, frà ma detto tra me e te!
Tu scompari qua-qua-quando arrivo
Tu scompari qua-qua-quando arrivo
E questo basso ti butta a terra l’impasto, frà!
Ti fa tremare il bicchiere e sfonda le casse al club!
Su le mani, sa-saluta il divo! Su le mani, saluta il divo!

Sono un titano così fatto che vedo in 3D, in 4D
Un Range Rover, schiaccio voi Mini 4WD
E’ Marra che sfreccia così in fretta
Che il mio Tom-Tom dice "dovevi svoltare a destra"
E non è più politica, è spettacolo, quindi il popolo è il pubblico
E sta guardando se stesso andare nel baratro
Marracash, invece, migliora di anno in anno
Il flow ringiovanisce alla Benjamin Button
Tre minuti di scambio fanno 30 ore di sballo
O 30 giorni di affitto o 300 giorni di gabbio
E in questo gioco segno 10 punti a passaggio
Ed esco più pulito che dall’autolavaggio
Spento, lo chiamo è sempre spento
Fanno sempre così quando ti devono euros
Li trovi a casa del buco da cui sono uscito
Dal buco in cui entrano
In entrambi i casi è un buco di appartamento,frà!

M come mio, A come attento
Doppia R come ra-ra dell’attrezzo
C come cane pazzo
A come astro
S-H come "ssh, vali un cazzo!"

Continuavano a chiamarlo Marracash!
E mi dispiace, frà, frà, ma detto tra me e te!
Tu scompari qua-qua-quando arrivo
Tu scompari qua-qua-quando arrivo
E questo basso ti butta a terra l’impasto, frà!
Ti fa tremare il bicchiere e sfonda le casse al club!
Su le mani, sa-saluta il divo! Su le mani, saluta il divo!

Se, ‘sti quattro scemi dell’underground pensano che sto troppo in alto per prenderli a calci
Continuano a chiamarmi Marracash e continuo a romperti il culo, non te lo scordare mai, zio!
The Buildzer al beat, per voi sono il divo, rocce!

Questa è la storia di un ragazzo che si è arrampicato in cima a un palazzo di 50 piani, ma il suo paese sta precipitando e anche lui allora decide di buttarsi giù
Ogni giorno il paese e il ragazzo si ripetono per darsi coraggio
FINO A QUI TUTTO BENE
FINO A QUI TUTTO BENE
Il problema non è la caduta è l’atterraggio, ma la parte più interessante è il percorso

Share

Leave a Comment